COSA FARE PRIMA DI MONTARE IN MACCHINA


Correva il 1988, quando le testate giornalistiche italiane dell’epoca annunciarono l’introduzione all’uso obbligatorio della cintura di sicurezza in macchina. E qui con macchina intendiamo chiaramente l’automobile, il camion, il furgone, il camper. Qualsiasi veicolo su 4 o più ruote omologato al trasporto di persone e quindi di cose.

Esattamente l’11 aprile 1988, sulla Gazzetta Ufficiale veniva pubblicato il decreto che ne disciplinava l’obbligatorietà. La legge 111 del 18 marzo 1988 prevedeva l’obbligo di installare e utilizzare le cinture di sicurezza anteriori rispondenti a omologazione a bordo dei veicoli.

Pillole di storia sull’introduzione delle cinture di sicurezza

Le cinture di sicurezza, nella meccanica automobilistica, sono un dispositivo di sicurezza passivo ancorato all’interno del veicolo: in caso di urto, trattiene il corpo degli occupanti legato al sedile, evitandone l’impatto contro le strutture interne e la proiezione dello stesso fuori dall’abitacolo.

Le cinture di sicurezza furono concepite dal canadese Gustave Desirè Lebeau nel 1903, con il nome “bretelle di sicurezza“. Le velocità non altissime delle vetture dell’epoca e i rischi di soffocamento che esse davano (ai tempi erano in cuoio) ne causarono la mancata diffusione.

cintura-di-sicurezza-in-macchina

L’Italia rese obbligatori gli attacchi delle stesse a partire dal 15 giugno 1976 (articolo 72, comma 2 del Codice della Strada e Circolare D.G. n. 76/77 del 9 dicembre 1977), mentre le cinture divennero obbligatorie nel 1988 (legge 111 del 1988, obbligo che comprese i veicoli immatricolati dal 1º gennaio 1978), introducendo anche l’obbligo d’uso per i posti anteriori. Mentre, dal 14 aprile 2006 chiunque deve indossare le cinture di sicurezza. Dal 30 luglio 2010 questo vincolo è imposto anche a quadricicli leggeri quali minicar, autobus privati, camion e, in generale, a qualunque veicolo dotato di cinture di sicurezza.

E in macchina in cantiere, ad esempio quando conduci e manovri una piattaforma aerea, lo sai cosa devi fare e cosa devi indossare?

Lo sai cosa devi fare prima di salire in cesta?

Ci sono 5 regole fondamentali per lavorare in sicurezza in quota, ovvero quando si alloggia in una navicella ancorata alla forbice o al braccio telescopico e/o articolato di una piattaforma aerea semovente verticale o di una piattaforma girevole.

Ecco quali sono i 5 punti fondamentali che devi sempre rispettare prima di utilizzare un mezzo di lavoro aereo:

  1. essere formato e abilitato al suo utilizzo;
  2. averne letto il manuale d’uso e manutenzione;
  3. aver verificato le condizioni e funzionalità della macchina;
  4. …e aver verificato l’area di transito e l’area di lavoro;
  5. aver indossato un’imbracatura e un casco omologati.

Se abitualmente utilizzi piattaforme aeree, dovresti sapere cos’è un’imbracatura, uno dei principali DPI (dispositivi di protezione individuale) per il lavoro in quota.

L’imbracatura

L’imbracatura o imbragatura imbraco è un indumento costituito da larghe cinture di stoffa collegate tra loro dette “brache” (o talvolta in parte impropriamente “braghe”).

LO SAI CHE... COSA DEVI FARE PRIMA? - noleggio Gv3 Venpa

Le brache cingono fianchi e cosce di chi le indossa: ciò ne permette l’assicurazione a una corda o a un filo di sicurezza (linea vita) e lo svolgimento di tutte le manovre in sicurezza.

L’imbracatura è utilizzata sia in ambito sportivo (arrampicata, alpinismo, speleologia, torrentismo e vela), sia in ambito lavorativo, ovvero quando il lavoratore è esposto al pericolo di cadute dall’alto.

Le imbracature devono rispettare gli standard europei di sicurezza previsti dalle specifiche norme EN 12277. Tutti i modelli prodotti e venduti nella Comunità Europea sono testati “ad hoc” perché devono garantire:

  • resistenza;
  • comfort;
  • funzionalità.

 

 

 

 

 

 

 

Altri articoli utili

Vuoi saperne di più sui comportamenti che devi tenere quando operi in quota?
Leggi altre news pubblicate sul blog OnAir:

Inoltre, GV3 ricorda sempre che…

Scegli GV3, scegli il servizio di noleggio italiano.
Quello originale, quello autentico.

www.gv3.it